Always blue sky

A Vicenza abbiamo un monumento davvero unico, il Teatro Olimpico che è stato progettato dal maestro architetto Andrea Palladio. Questo teatro è davvero spettacolare… Il palcoscenico è tutto in legno e rappresenta una miniatura delle vie di Vicenza e dei suoi palazzi in 3D (come si dice oggi) ma con una prospettiva forzata, tra cui si può anche camminare! Lo straordinario cielo affrescato cambia aspetto a seconda dell’illuminazione e da vita allo spazio sottostante.

Here in Vicenza there is a really unique monument, Teatro Olimpico which was designed by architettura genius Andrea Palladio. This theater is really gorgeous… The stage is all made of wood. It is a miniature of Vicenza’s streets and it’s palaces built in 3D (as we say today), but with forced perspective, and you can even walk among these streets! The extraordinary dramatic frescoed sky changes its appearance everytime when the lighting changes, which makes the space below alive.

TeatroOlimpico-4

Ecco quindi dove ho preso l’ispirazione per affrescare il soffitto di un noto studio legale che si trova a duecento metri dal Teatro Olimpico. Lo spazio a disposizione era irregolare e ricordava una delle vie del centro storico su cui si stagliava uno scorcio di cielo. Una tipica vista vicentina come questa:

So here’s where I got the inspiration for decorating the ceiling of a well-known law studio that is located two hundred meters from the Teatro Olimpico. The available space was irregular and reminded one of the downtown streets on which it stood a glimpse of heaven. A typical view Vicenza is like this:

cielo

Il cielo dello studio non doveva essere drammatico e michelangiolesco come quello dell’Olimpico perché il soffitto qui è molto più basso e lo spazio più stretto. Doveva essere leggero e sfumato, azzurro, estivo, per comunicare quella serenità donata dalle giornate più miti anche quando fuori piove e mettere di buon umore le persone. Le tonalità di bianco ed azzurro cambiano a seconda dell’illuminazione naturale e delle luci fluorescenti nascoste, comandate da una centralina che ne permette di regolare l’intensità.

The sky of the studio was not to be dramatic, such as Michelangelo’s heaven in Olimpico here because the ceiling is much lower and the space is narrower. It had to be light and faded, blue, summer, to communicate the serenity donated by the warmer days, even when it’s raining outside to put people in a good mood. The shades of white and blue change according to natural lighting and fluorescent lights hidden, controlled by a control unit that allows you to adjust the intensity.DSC_0039 DSC_0034 DSC_0031 DSC_0022

La tecnica utilizzata e quella a spugna marina. Ho usato un bianco acrilico per il fondo e pigmenti concentrati per creare le tonalità di rosa ed azzurro. Avrei voluto usare colori alla caseina, come negli affreschi del 500, ma erano di difficile reperibilità. Così ho proceduto per parti utilizzando tutti i colori assieme ed effettuando solo alla fine dell’opera piccole correzioni per rendere ben omogeneo tutto l’affresco. Volendo sarebbe stato possibile anche procedere per strati: prima gli azzurri e dopo i bianchi. Bisogna dire che questo lavoro e piuttosto impegnativo fisicamente. Il collo e le braccia sono sollecitati per ore e il giorno successivo è davvero difficile camminare senza sentirsi dei novantenni. Come applicatore ho usato vere spugne marine che conferiscono un’effetto davvero naturale alle nuvole (ho provato senza buoni risultati strofinacci bagnati, guanto e spugne sintetiche). Per terminare i 35 m2 ho impiegato circa una settimana.

The technique I used was a sea sponge painting. I used a white acrylic base and concentrated pigments to create shades of pinks and blues. I wanted to use casein colors, as in the frescoes of the XV’s century, but they were difficult to find. So I proceeded part by part using all the colors together and making only small corrections at the end of the work to make a very homogeneous throughout the fresco. It was also possible to proceed in layers: first the blues and shades and whites after. It must be said that this work is quite physically demanding. The neck and arms are solicited for hours and the next day it’s really hard to walk without feeling of nonagenarians. As applicator I used natural sea sponges that give very natural effect to the clouds (I tried without good results wet cloths, painting glove and synthetic sponges). To finish the 35 m2 space it tooks me about a week.

Work in process 🙂 :2011-06-21 11.32.01

Il cielo è entrato dalla finestra!

This sky is entered through the window!2011-06-21 12.52.16

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...